Lettere contro la guerra Tiziano Terzani

 

 

 

 

 

 

 

 

Dedicato alla giornalista Mika Yamamoto, uccisa in Siria,durante gli scontri di questi tragici giorni,e a tutti i giornalisti che con sacrificio e impegno provano a raccontare le guerre di cui è pieno il mondo

Ci sono giorni nella vita in cui non succede niente, giorni  che passano senza nulla da ricordare, senza lasciare una traccia, quasi non si fossero vissuti. A pensarci bene, i più sono giorni così, e solo quando il numero di quelli che ci restano si fa chiaramente più limitato, capita di chiedersi come sia stato possibile lasciarne passare, distrattamente, tantissimi. Ma siamo fatti così: solo dopo si apprezza il prima e solo quando qualcosa è nel passatoci si rende meglio conto di come sarebbe averlo nel presente. Ma non c’è più.

Un giorno, tornando a casa in bicicletta, un cecchino dell’Alleanza del Nord lo ha centrato in una gamba spappolandogliela sopra al ginocchio. « Se non è morto, quel tipo è ora di nuovo a Kabul », ho commentato come soprappensiero. «Lei lo ha perdonato? » « No. No. Se potessi lo ammazzerei con le mie mani », mi ha risposto. Tutti quelli che ci stavano a sentire erano d’accordo. Nella sezione delle donne una ragazzina di 13 anni impara a camminare con un nuovo piede di plastica, muovendosi lentamente lungo un tracciato di orme rosse sul pavimento. Un giorno, sei mesi fa, la madre le ha chiesto di andare a cercare un po’ di legna per il fuoco. Poco dopo ha sentito un’esplosione e le urla. Chiedo alla fisioterapista che l’aiuta, anche lei senza una gamba, persa anni fa su una mina nascosta nel cortile della scuola, se ritiene possibile un mondo senza guerra. Ride, come avessi raccontato una barzelletta. « Impossibile. Impossibile », dice. Ogni politico in visita a Kabul si fa vedere al centro di Alberto Cairo e porta aiuti perché lui continui il suo convincentissimo lavoro. Quel che nessuno ha il coraggio di dire è che l’unico modo di metter fine a quel lavoro, agli aiuti e alle visite dei politici è quello di proibire, ora, subito, la fabbricazione e il commercio di tutte le mine possibili. Che la « comunità internazionale » mandi una « Forza di pace » a smantellare qualunque fabbrica di mine, dovunque si trovi nel mondo! Cairo è in Afghanistan da 12 anni e conta di restarci per il resto della vita. Di lavoro ne ha: oltre al milione di vecchie mine, ci sono ora tutte quelle nuove seminate dal cielo dagli americani. Anche lui sorride della mia speranza in un mondo senza guerra. « In Afghanistan la guerra è il sale della vita », dice. « La guerra è più saporita della pace. » Il suo non è cinismo; è rassegnazione. Ma io non posso rassegnarmi, anche se mi rendo conto che quello che stiamo vivendo è un momento particolarmente tragico per l’umanità. Da settimanetutto quello che vedo e che sento a proposito di questa guerra sembra fatto per dimostrare che l’uomo non è assolutamente la parte più nobile del creato e che nel suo cammino di incivilimento sta subendo ora, davanti ai nostri

occhi, con la nostra partecipazione, una grande battuta d’arresto.Proprio all’inizio del terzo millennio, all’inizio di quella che tanti giovani pensavano fosse The New Age, la nuova era di pace e serenità, l’uomo ha innescato un pericolosissimo processo di nuova barbarie. Proprio quando una serie di regole del convivere umano parevano assicurate e condivise dai più, proprio quando le Nazioni Unite sembravano diventare la sede per la risoluzione dei conflitti, proprio quando le varie convenzioni sui diritti umani, sulla protezione dell’infanzia, della donna e dell’ ambiente parevano aver gettato le basi per una nuova etica internazionale, tutto è stato sconvolto e l’amministrazione della morte altrui è tornata ad essere una routine tecnicoburocratica come per Eichmann era diventato alla fine il trasporto degli ebrei. Sotto gli occhi di soldati occidentali, a volte con la loro attiva partecipazione, prigionieri con le mani legate dietro la schiena vengono fucilati ed il massacro, definito convenientemente una « rivolta carceraria », viene archiviato. Interi villaggi di contadini, la cui unica colpa è di essere nelle vicinanze di una montagna chiamata Tora Bora, vengono rasi al suolo dai bombardamenti a tappeto. Le vittime sono centinaia, ma la loro esistenza viene spudoratamente negata con l’affermazione che « tutti gli obiettivi colpiti sono militari». Una personalità di rilievo come il segretario alla Difesa Rumsfeld descrive i combattenti di Osama bin Laden come « animali feriti », per questo particolarmente pericolosi e con ciò possibilmente da abbattere, anche quando il rifiutare la resa di un combattente disarmato è un crimine di guerra secondo le Convenzioni di Ginevra. Il fatto che le quasi quotidiane apparizioni del segretario Rumsfeld al podio del Pentagono siano diventate uno dei programmi più popolari e più seguiti d’America dice molto sullo stato attuale di gran parte dell’umanità. La tortura stessa cessa di essere un tabù nella coscienza occidentale e nei talk-show si discute ormai apertamente sulla legittimità di ricorrervi quando si tratti di estrarre al sospetto-torturato delle informazioni che salvino vite americane. Pochissimi protestano. Nessuno chiede apertamente se i marines, le forze speciali e gli agenti della CIA, che stanno interrogando centinaia di talebani e arabi per scoprire dove si nasconda Osama bin Laden, lo facciano rispettando le norme secondo cui i prigionieri di guerra son tenuti solo a dare le proprie generalità. La « comunità internazionale » ha ormai accettato che l’interesse nazionale americano prevalga su qualsiasi altro principio,compreso quello finora sacrosanto della sovranità nazionale.  La stessa stampa americana ha messo da parte molti dei vecchi principi che l’hanno in passato resa importante nel suo ruolo di controllore del potere. Ho visto con i miei occhi l’originale di un articolo scritto dall’Afghanistan da un corrispondente di un grande quotidiano e quel che poi è stato pubblicato. Un tempo sarebbe stato motivo discandalo. Non ora. « Ormai siamo diventati la Pravda », diceva il giornalista.Quando un altro corrispondente ha proposto di scrivere un ritratto psicologico del mullah Omar per spiegare, fra l’altro, come e perché il capo supremo dei talebani, non consegnando Bin Laden, abbia messo in gioco l’esistenza del suo regime, la risposta della redazione è stata: « No. Il pubblico americano non è ancora pronto ». La verità è che si deve evitare tutto ciò che può umanizzare la figura del « nemico », tutto ciò che può spiegare le sue ragioni. Il nemico va demonizzato, va presentato come un inaccettabile mostro da eliminare. Solo per un attimo c’è stato nel servizio in diretta della CNN sul massacro dei prigionieri nella fortezza di Mazar-i-Sharif un tocco di compassione per quelle centinaia di cadaveri sparpagliati oscenamente nel cortile e fra i quali un soldato dell’ Alleanza del Nord già andava a giro con delle orribili pinze a cercare di recuperare dei denti d’oro dalle bocche spalancate. Sullo schermo è comparso uno svizzero del Comitato Internazionale della Croce Rossa che ha spiegato d’essere lì per fotografare e cercare di identificare quei morti. « Ognuno di loro ha una famiglia », ha aggiunto.Quei pochi fotogrammi con quelle poche parole sono scomparsi da tutte le edizioni in cui il servizio è stato poi, più volte, ritrasmesso. Non è scomparsa invece – anzi è stata ripetuta a non finire, specie nelle emissioni radio della Voice of America e della BBC rivolte all’Asia – la storia secondo cui negli ultimi giorni gruppi di talebani allo sbaraglio avrebbero fermato gli autobus sulla strada bad, e dopo aver controllato, come facevano quando erano al potere, la lunghezza «islamica» delle barbe dei passeggeri, avrebbero mozzato naso e orecchie a tutti quelli che se l’erano accorciata. Le vittime sarebbero state portate negli ospedali di Kabul e Jalalabad. Una mattina ho fatto il giro di tutti gli ospedali della capitale alla ricerca di quei malcapitati. Non ne ho trovato uno. Non esistono. Quella storia era falsa, ma una volta trasmessa nessuno si è preoccupato di smentirla. Allo stesso modo era falsa,anche se è stata persino usata dalla moglie di Tony Blair come esempio degli « orrori »talebani, la storia secondo cui sotto il regime del mullah Omar le donne che avevano le unghie laccate se le vedevano strappare via di forza. Le emozioni suscitate da tutta una serie di notizie false, compresa quella delle fiale di gas nervino « trovate » in un campo di Al Qaeda vicino a Jalalabad, sono servite a rendere accettabili gli orrori della guerra, a mettere le vittime nel conto dell’«inevitabile prezzo » da pagare per liberare il mondo dal pericolo del terrorismo. Questo era il fine della politica di informazione e disinformazione fatta da Washington e questo è quel che ha alimentato l’opinione pubblica del mondo occidentale. L’ autocensura dei mezzi d’informazione americani, e in gran parte anche di quelli europei, ha fatto il resto.La determinazione con cui gli Stati Uniti hanno inteso tacitare ogni voce dissidente e seccare ogni possibile fonte di verità alternativa è stata dimostrata dal missile caduto «per sbaglio » sulla sede a Kabul della televisione araba Al Jazeera. Sono andato a vedere. Non c’è stato alcuno sbaglio. La villetta in cui stava la redazione era la terza di una fila di costruzioni tutte uguali, in cemento, ad un piano, con un giardinetto attorno, in un viale uguale a tanti altri nel quartiere Wazir Akbar Khan. Nei paraggi non c’erano caserme, ministeri, carri armati o altri possibili obiettivi militari. Nel mezzo della notte un singolo missile, lanciato da un aereo ad alta quota, è caduto esattamente lì, su quella villetta, sventrandola. Un colpo alla libertà di espressione, ma un colpo ormai dato per scontato, accettato, giustificato: un colpo entrato a far parte della nostra vita come i tribunali speciali americani, gli arresti senza garanzie legali, le sentenze di morte senza appello. Eppure niente di tutto questo – non i morti innocenti, non i massacri di prigionieri, non la limitazione dei nostri diritti fondamentali, non l’ingiustizia profonda della guerra – ha scosso l’opinione pubblica. Certo non quella americana, ma neppure quella europea. L’attuale, diffusa indifferenza verso quel che sta succedendo agli afghani, ma in verità -senza che ce ne accorgiamo – anche a noi stessi, ha radici profonde. Anni di sfrenato materialismo hanno ridotto e marginalizzato il ruolo della morale nella vita della gente,facendo di valori come il danaro, il successo e il tornaconto personale il solo metro di giudizio. Senza tempo per fermarsi a riflettere, preso sempre più nell’ingranaggio di una vita altamente competitiva che lascia sempre meno spazio al privato, l’uomo del benessere e dei consumi ha come perso la sua capacità di commuoversi e di indignarsi. È tutto concentrato su di sé, non ha occhi né cuore per quel che gli succede attorno. È questo nuovo tipo di uomo occidentale, cinico e insensibile, egoista e politicamente corretto – qualunque sia la politica -, prodotto della nostra società di sviluppo e ricchezza, che oggi mi fa paura quanto l’uomo col Kalashnikov e l’aria da grande tagliagole che ora è ad ogni angolo di strada a Kabul. I due si equivalgono, sono esempi diversi dello stesso fenomeno: quello dell’uomo che dimentica d’avere una coscienza, che non ha chiaro il suo ruolo nell’universo e diventa il più distruttivo di tutti gli esseri viventi, ora inquinando le acque della terra, ora tagliandone le foreste, uccidendone gli animali ed usando sempre più sofisticate forme di varia violenza contro i suoi simili. In Afghanistan tutto questo mi appare chiaro. E mi brucia e mi riempie di rabbia.Per questo, a pensarci bene, l’unico momento di gioia che ho avuto in questo paese è stato quando ci son passato sopra. Dall’oblò di un piccolo aereo a nove posti delle Nazioni Unite in rotta da Islamabad a Kabul, il mondo appariva come se l’uomo non fosse mai esistito e non ci avesse lasciato alcuna traccia di sé. Da lassù il mondo era semplicemente meraviglioso: senza frontiere, senza conflitti, senza bandiere per cui morire, senza patrie da difendere. Ho pietà di coloro che l’amore di sé lega alla patria; la patria è soltanto un campo di tende in un deserto di sassi dice un vecchio canto himalayano citato da Fosco Maraini nel suo Segreto Tibet. Se anche ci fossero state, quelle tende non le avrei viste. Per stare al sicuro l’aereo volava a dieci chilometri di altezza e la terra, ora ocra ora violetta e grigia, era come la pelle grinzosa d’un vecchio gigante; i fiumi le sue vene. Dinanzi, come un mare in tempesta che improvvisamente fosse diventato di ghiaccio, avevamo la barriera innevata dell’Hindu Kush, « l’assassino di indù », a causa delle centinaia di migliaia di indiani morti di freddo in quelle montagne mentre venivano trasportati come schiavi verso l’Asia centrale dai loro conquistatori moghul. L’Afghanistan è stato da sempre, per la sua posizione geografica, il grande corridoio del mondo. Da qui son passate tutte le grandi religioni, le grandi civiltà, i grandi imperi; da qui son passate tutte le razze, tutte le idee, tutte le merci, tutte le arti. Qui sono nati un visionario filosofo come Zarathustra, un poeta come Rumi, qui sono nati gli inni vedici che sono all’origine delle scritture sacre indiane, e da qui è venuta la prima analisi grammaticale del sanscrito, la lingua a cui tutte le nostre debbono qualcosa. Da qui son passati tutti quelli che nei secoli sono andati a derubare l’India delle sue ricchezze materiali e da qui è passata la ricchezza spirituale dell’India, il buddhismo, prima di diffondersi nell’Asia centrale, in Cina, in Corea e alla fine in Giappone. E proprio in Afghanistan il buddhismo, incontrando la grecità che Alessandro il Macedone si era lasciato dietro, s’è espresso nelle sue più raffinate forme artistiche. L’Afghanistan è una vasta,profonda miniera di storia umana, sepolta nella terra di posti come Mazar-i-Sharif,Kabul, Kunduz, Herat, Ghazni e Balkh, l’antica Bactria, conosciuta come «madre di tutte le città».« E voi, che ci fate qui? » chiese nel 1924 un viaggiatore americano, sorpreso di vedere a Kabul, fra quelle delle grandi potenze, anche un’ambasciata italiana. « L’ archeologia », si sentì rispondere dall’allora ministro plenipotenziario Paternò dei Marchi. Dall’inizio del secolo scorso tanti sono stati gli scavi fatti in Afghanistan da nostre missioni scientifiche ed era davvero penoso, nelle prime settimane dei bombardamenti, sentire che i B-52 americani, alla caccia dei talebani, praticavano ora una loro nuova forma di archeologia andando a scavare, a suon di bombe a tappeto,proprio in quei posti preziosi.Questo, d’essere al centro di un qualche interesse altrui, è il destino dell’Afghanistan. E così che dai greci ai persiani, ai mongoli, ai turchi, fino ai russi e agli inglesi nell’ Ottocento, il paese è sempre stato la posta di un qualche Grande Gioco. Ancora oggi è esattamente così. Quando l’aereo delle Nazioni Unite s’è posato sulla pista di Bagram, un posto che duemila anni fa fu la capitale di una grande civiltà – Kushan – di cui le guerre han spazzato via ogni traccia in superficie, i nuovi giocatori erano tutti lì, su quella pista di cemento in mezzo ad una valle ora deserta e punteggiata dalla spettrale presenza di carcasse di carri armati, elicotteri, camion, aerei e cannoni. Mentre tre marines e un cane lupo, anche lui americano, venivano ad annusare meticolosamente i miei bagagli, dei soldati russi trafficavano, poco più in là, attorno a un loro aereo e a una fila di camion dai tendoni chiusi su cui era scritto: «Dalla Russia per i bambini dell’Afghanistan ». Dinanzi alle rovine di una caserma sivedevano le sagome di alcuni soldati inglesi. Bisognava guardare le stupefacenti montagne che al calar del sole sembrano prendere vita e muoversi col mutare delle ombre e dei colori, per non disperarsi: la vecchia storia stava semplicemente ricominciando. La « comunità internazionale » pensa di aver trovato una soluzione per i problemi dell’ Afghanistan in una formula che combina violenza e soldi, milizie afghane colpevoli di vari misfatti, ma ora tenute a bada anche loro dai B-52, e una persona per bene come il nuovo capo dell’esecutivo Hamid Karzai, unico e debole pashtun fra i rappresentanti forti delle altre etnie.Spero che la formula funzioni, ma non ci credo. Certo, anche a Kabul la vita riprende.L’ho vista riprendere a Phnom Penh dopo la fine dei khmer rossi, l’ho vista riprendere nelle foreste del Laos e del Vietnam defoliate dagli agenti chimici e cancerogeni degli americani. Ma che vita? Una vita nuova, una vita più consapevole, più tollerante, più serena, o la solita vita di ora: aggressiva, rapace, violenta?

Pagine tratte da ”Lettere contro la guerra” di  Tiziano Terzani

Annunci

da Primavera all’inverno più freddo e buio per le donne Tunisine?

 

 

 

 

 

 

 

 

Le agenzie di stampa battono questa notizia:  La donna e’ ‘complementare’ all’uomo e non più ‘uguale’: e’ subito polemica in Tunisia, con le associazioni di donne sul piede di guerra, per un articolo della nuova Costituzione approvato da una commissione dell’Assemblea costituente. L’articolo stabilisce che ”lo Stato assicura la protezione dei diritti della donna, sotto il principio della complementarità con l’uomo in seno alla famiglia, e in qualità di associata all’uomo nello sviluppo della Patria”.se non fosse il 4 di Agosto si potrebbe pensare ad uno scherzo di cattivo gusto,fatto da qualche sessista tra i tanti in giro per il mondo,purtroppo non è cosi. Partiamo dall’inizio il 17 dicembre del 2010, un venditore ambulante 26enne Mohammed Bouazizi si dà fuoco a Sidi Bouzid, un paesino della Tunisia, è l’inizio  di rivolte che cambiano il volto del mondo arabo dall’Egitto al Marocco alla Libia. ma soffermiamoci sulla Tunisia,Paese da sempre legato all’Italia da stretti rapporti di amicizia e di affari. Dopo lo scoppio delle rivolta in Tunisia e la cacciata del tiranno Ben Ali avvenuta il 14 gennaio 2011 dopo 23 anni di regno, sembrava finalmente arrivato il momento tanto agognato di potere avere  libertà, diritti e democrazia, tanto attesi. ed infatti le rivolte furono battezzate come Primavera araba in Tunisia ribattezzata ”Rivoluzione dei Gelsomini”.  Dopo i primi facili entusiasmi  e manifestazioni di giubilo,che fecero toccare il cielo con un dito a tanti. si torna alla dura realtà di tutti i giorni c’era da riorganizzare un Paese dalle fondamenta. All’uscita di scena del Presidente Ben Ali, il 15 gennaio 2011, in base a quanto previsto dalla Costituzione tunisina, il Presidente della Camera, Mebazaa,giurava come  Capo dello Stato ad interim e conferiva  al Primo Ministro uscente, Ghannouchi, l’incarico di formare un Governo di Unità nazionale, era ancora un governo legato alle vecchia oligarchia. In febbraio, a seguito di violenti scontri , culminati in una grande manifestazione di piazza a Tunisi sfociata in nuove violenze (5 morti e vari feriti tra i dimostranti) e un sit-in di settimane presso la Casbah contro il governo.Ghannouchi, rassegnava  le proprie  dimissioni. Lo sostituiva Be’ji Caid Essebsi, ottantacinquenne avvocato con una lunga esperienza di governo durante l’epoca di Bourghiba che nei giorni successivi alla nomina provvedeva ad un rimpasto dentro il governo,dove erano presenti ancora uomini del vecchio regime di  Ben Ali.    Il Governo Essersi, doveva traghettare il Paese con una difficile condizione economica e sociale fino alle elezioni dell’Assemblea nazionale costituente (ANC) avvenute il 23 ottobre 2011. Le consultazioni si sono svolte in un clima di generale ottimismo ed entusiasmo,valutate positivamente anche dagli osservatori esterni. Eletti i deputati dell’Assemblea  Costituente, cui partito di maggioranza relativa  è  il partito ”Ennahdha”,di ispirazione islamica, dopo l’elezione  svela subito i piani politici e cioè di  elevare a rango costituzione la Shari’a  la legge coranica e l’islam  religione di stato .veniamo ad oggi 4 agosto 2012 lo scopo è raggiunto. viene inserita nella Costituzione Tunisina questo Articolo  ”La donna e’ ‘complementare’ all’uomo e non più ‘uguale”.con questa  sembrano venire tradite le aspettative di tante donne che riponevano mille speranze di libertà,uguaglianza,diritti e democrazia   nella rivoluzione dei Gelsomini. la Tunisia da paese moderato qual era,dopo la caduta di Ben Ali  e con l’avvento dei nuovi partiti  si avvia velocemente a diventare Paese islamico. Per un Nazione non c’è disgrazia maggiore quando la morale religiosa diventa morale civile, e quando si confondono peccati con reati. nelle democrazie occidentali questo fatto è superato da un po’. anche se l’Italia fatica. per favore non scambiamo tolleranza e accettazione verso i costumi di altre civiltà, accettando tutto, anche vilipendi contro la vita. i tiranni restano tiranni in qualsiasi parte del mondo. e non hanno ragione di esistere nel 2012. non difendiamo l’indifendibile.    Ora l’occidente in nome di quei valori, sopracitati, che ha fortemente  appoggiato e sponsorizzato queste rivoluzioni ha il dovere di intervenire per fermare le derive oscurantiste; se no ancora una volta si dimostrerà incapace di affermare quei valori che tanto sventola e tanto proclama in giro per il mondo.

 

Quote rose,una sconfitta per un Paese occidentale

Fornero: “Passaggio significativo, ancorché obbligato, per consentire l’effettiva partecipazione delle donne a momenti decisionali. Ci risiamo il Cdm approva una norma per la parità dei sessi, nei Cda delle aziende pubbliche. La parità tra sessi in un Paese avanzato ed occidentale non dovrebbe essere imposta per legge, per il semplice motivo che l’uguaglianza formale e sostanziale tra uomo e donna,dovrebbe essere unanimemente riconosciuta a tutti i livelli. Evidentemente in Italia si è ancora troppo indietro, per accettare questo semplice fatto di civiltà. E dire che le donne partecipano attivamente alla vita produttiva,sociale,politica di questo Paese mandano avanti famiglie,aziende,e sostituendosi al welfare. Non sarebbe ora di guardare l’uguaglianza tra i sessi sotto un altro punto di vista, e invece di fare una legge per tale scopo;magari iniziare col dire e con l’applicare la Costituzione,dando pieni diritti e riconoscimenti alle donne, ad esempio nel lavoro è cosa risaputa che in media sono sottopagate, e hanno difficoltà ad avanzare di carriera. Non sarebbe più giusto spezzare il sessismo latitante che ancora oggi esiste in varie ambiti sociali. E che ancora oggi la Donna debba trovarsi a scegliere tra carriera e famiglia.Non sarebbe giusto assicurare diritti che già esistono. Senza sentire il bisogno di imporre regole sociali e di emancipazione? Come se le Donne avessero bisogno di una legge per dimostrare il loro valore,sembra quasi un’offesa,ed è  una delle cose più antifemministe che si possa udire, Come se la società può andare avanti per quote. Una società moderna deve andare avanti per diritti pienamente riconosciuti senza nessuna discriminazione. Ad oggi la situazione Italiana è abbastanza patetica. Johnny  Spata

”Donne protagoniste”: Olympe de Gouges di Francesca Santucci

Dal libro “Donne protagoniste” di Francesca Santucci: Olympe de Gouges (1748-1793)

E’ nel Settecento, con l’Illuminismo, che, anche se non le venivano riconosciuti gli stessi diritti dell’uomo, la donna cominciò a contare nella società; fino al 1789, però, solamente alle donne dei ceti più abbienti fu consentito svolgere un ruolo attivo nel sociale, e bisognò attendere la rivoluzione francese perché fosse consentito anche alle borghesi e alle popolane.
Allora parteciparono alla presa della Bastiglia, marciarono in armi contro la reggia di Versailles (fu un corteo di migliaia di donne delle Halles, i grandi mercati generali di Parigi, quello che si mosse quando ci fu l’aumento del pane, marciando dalla città fino a Versailles, reclamandolo a gran voce, accampate tutta la notte dinanzi ai cancelli reali tanto che, assente il re, la regina Maria Antonietta fu costretta a far distribuire cestini di brioche), morirono lottando per le strade e finirono sul patibolo, manifestarono, complottarono, presero parte ai dibattiti e crearono associazioni in difesa dei loro diritti. Ma anche all’interno dei circoli più rivoluzionari continuarono ad essere estromesse dal voto, e poi  la Convenzione le escluse dai diritti politici e tolse loro il diritto di associazione, e Robespierre  proibì le associazioni femminili e persino i loro giornali.
Dagli avvenimenti della dittatura rivoluzionaria del “Terrore” fu travolta anche Olympe de Gouges, l’autrice della  “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina”; strenua e battagliera nel difendere i diritti umani e la parità dei sessi, lottò per  i suoi ideali fino al punto di sacrificare la sua stessa vita.
Un giorno, a casa di Sophie de Condorcet, moglie del famoso politico girondino, aveva esclamato:
La femme a le droit de monter à l’échaffaud, elle doit avoir également le droit de monter à la tribune.
La donna ha il diritto di salire sul patibolo,  deve avere egualmente il diritto di salire in tribuna!
Scrittrice, autrice teatrale oggi completamente dimenticata, sensibile alle ingiustizie da qualunque parte provenissero, sia contro le donne che contro gli uomini (si offrì pure di difendere Luigi XVI quando fu arrestato), si batté per le cause più disparate, anche per la liberazione degli schiavi, per il divorzio e per i diritti degli orfani e delle madri nubili.
Olympe de Gouges, il cui vero  nome era Marie Gouze, allevata da Pierre Gouze, in realtà figlia naturale del marchese Lefranc de Pompignan, padrino di sua madre, Presidente del Tribunale  e famoso letterato, era nata il 7 maggio del 1748 nella regione di Montauban; suo padre adottivo era un macellaio, sua madre rivendeva abiti usati.
Sposatasi a soli sedici anni per evadere dall’angusto ambito familiare, ebbe un figlio, ma a 17 anni restò vedova e conobbe  Jacques Biétrix, un ingegnere dei trasporti militari: fu amore a prima vista! Lui la condusse con sé a Parigi e qui lei cambiò il suo nome in Olympe de Gouges.
Bella e corteggiata, frequentò i salotti  più famosi, conobbe i più importanti scrittori e filosofi e cominciò a scrivere (secondo altri a dettare perché analfabeta) saggi, opere teatrali, manifesti, proclami, e nel 1874 compose anche un dramma nel quale si pronunciava, con forti accenti, contro la schiavitù, che andò in scena proprio nell’anno della rivoluzione, nel 1879.
Ben presto Olympe si rivolse alla politica; dapprima rivoluzionaria, poi realista, infine repubblicana, convinta che  La donna nasce libera ed ha gli stessi diritti dell’uomo, nel 1791 fondò il “Cercle social”, un’associazione che si prefiggeva la parità dei diritti delle donne, e pubblicò la “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (testo che ricalcava la famosa “Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino”, che stabiliva i diritti inalienabili e sacri dell’uomo) in cui Olympe, anticipando le rivendicazioni femministe, auspicava una società senza patriarcato.
Ben presto, però, si rese conto che le conquiste della rivoluzione non avvantaggiavano affatto le donne e che anche con il nuovo regime la libertà veniva calpestata, e ricominciò con i suoi infuocati discorsi libertari, attaccando il regime di Robespierre, il quale non esitò a condannarla a morte quando lei prese le difese di Luigi XVI.
Olympe de Gouges fu ghigliottinata il 3 novembre del 1793
per aver dimenticato le virtù che convengono al suo sesso ed essersi immischiata nelle cose della Repubblica.

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELLA DONNA E DELLA CITTADINA

Uomo, sei capace d’essere giusto ? E’ una donna che ti pone la domanda ; tu non la priverai almeno di questo diritto. Dimmi? Chi ti ha concesso la suprema autorità di opprimere il mio sesso? La tua forza? Il tuo ingegno? Osserva il creatore nella sua saggezza ; scorri la natura in tutta la sua grandezza, di cui tu sembri volerti raffrontare, e dammi, se hai il coraggio, l’esempio di questo tirannico potere. Risali agli animali, consulta gli elementi, studia i vegetali, getta infine uno sguardo su tutte le modificazioni della materia organizzata; e rendi a te l’evidenza quando te ne offro i mezzi; cerca, indaga e distingui, se puoi, i sessi nell’amministrazione della natura. Dappertutto tu li troverai confusi, dappertutto essi cooperano in un insieme armonioso a questo capolavoro immortale.
Solo l’uomo s’è affastellato un principio di questa eccezione. Bizzarro, cieco, gonfio di scienza e degenerato, in questo secolo illuminato e di sagacità, nell’ignoranza più stupida, vuole comandare da despota su un sesso che ha ricevuto tutte le facoltà intellettuali; pretende di godere della rivoluzione, e reclama i suoi diritti all’uguaglianza, per non dire niente di più.

Preambolo

Le madri, le figlie, le sorelle, rappresentanti della nazione, chiedono di potersi costituire in Assemblea nazionale. Considerando che l’ignoranza, l’oblio o il disprezzo dei diritti della donna sono le cause delle disgrazie pubbliche e della corruzione dei governi, hanno deciso di esporre, in una Dichiarazione solenne, i diritti naturali, inalienabili e sacri della donna, affinché questa dichiarazione, costantemente presente a tutti i membri del corpo sociale, ricordi loro senza sosta i loro diritti e i loro doveri, affinché gli atti del potere delle donne e quelli del potere degli uomini, potendo essere paragonati ad ogni istante con gli scopi di ogni istituzione politica, siano più rispettati, affinché le proteste dei cittadini, fondate ormai su principi semplici e incontestabili, si rivolgano sempre al mantenimento della Costituzione, dei buoni costumi, e alla felicità di tutti. In conseguenza, il sesso superiore sia in bellezza che in coraggio, nelle sofferenze della maternità, riconosce e dichiara, in presenza e sotto gli auspici dell’essere supremo, i seguenti Diritti della Donna e della Cittadina. 

Articolo I

La Donna nasce libera ed ha gli stessi diritti dell’uomo. Le distinzioni sociali possono essere fondate solo sull’utilità comune.

Articolo II

 Lo scopo di ogni associazione politica è la conservazione dei diritti naturali e imprescrittibili della Donna e dell’Uomo: questi diritti sono la libertà, la proprietà, la sicurezza e soprattutto la resistenza all’oppressione.

Articolo III

 Il principio di ogni sovranità risiede essenzialmente nella nazione, che è la riunione della donna e dell’uomo: nessun corpo, nessun individuo può esercitarne l’autorità che non ne sia espressamente derivata.

Articolo IV

 La libertà e la giustizia consistono nel restituire tutto quello che appartiene agli altri; così l’esercizio dei diritti naturali della donna ha come limiti solo la tirannia perpetua che l’uomo le oppone; questi limiti devono essere riformati dalle leggi della natura e della ragione. 

Articolo V

 Le leggi della natura e della ragione impediscono ogni azione nociva alla società: tutto ciò che non è proibito da queste leggi, sagge e divine, non può essere impedito, e nessuno può essere obbligato a fare quello che esse non ordinano di fare.

Articolo VI

 La legge deve essere l’espressione della volontà generale; tutte le Cittadine e i Cittadini devono concorrere personalmente, o attraverso i loro rappresentanti, alla sua formazione; esse deve essere la stessa per tutti: Tutte le cittadine e tutti i cittadini, essendo uguali ai suoi occhi, devono essere ugualmente ammissibili ad ogni dignità, posto e impiego pubblici secondo le loro capacità, e senza altre distinzioni che quelle delle loro virtù e dei loro talenti. 

Articolo VII

 Nessuna donna è esclusa; essa è accusata, arrestata e detenuta nei casi determinati dalla Legge. Le donne obbediscono come gli uomini a questa legge rigorosa. 

Articolo VIII

 La Legge non deve stabilire che pene restrittive ed evidentemente necessarie, e nessuno può essere punito se non grazie a una legge stabilita e promulgata anteriormente al delitto e legalmente applicata alle donne. 

Articolo IX

 Tutto il rigore è esercitato dalla legge per ogni donna dichiarata colpevole. 

Articolo X

 Nessuno deve essere perseguitato per le sue opinioni, anche fondamentali; la donna ha il diritto di salire sul patibolo, deve avere ugualmente il diritto di salire sulla Tribuna; a condizione che le sue manifestazioni non turbino l’ordine pubblico stabilito dalla legge. 

Articolo XI

 La libera comunicazione dei pensieri e delle opinioni è uno dei diritti più preziosi della donna, poiché questa libertà assicura la legittimità dei padri verso i figli. Ogni Cittadina può dunque dire liberamente, io sono la madre di un figlio che vi appartiene, senza che un pregiudizio barbaro la obblighi a dissimulare la verità; salvo rispondere dell’abuso di questa libertà nei casi determinati dalla Legge. 

Articolo XII

 La garanzia dei diritti della donna e della cittadina ha bisogno di un particolare sostegno; questa garanzia deve essere istituita a vantaggio di tutti, e non per l’utilità particolare di quelle alle quali è affidata.

Articolo XIII

 Per il mantenimento della forza pubblica, e per le spese dell’amministrazione, i contributi della donna e dell’uomo sono uguali; essa partecipa a tutte le incombenze, a tutti i lavori faticosi; deve dunque avere la sua parte nella distribuzione dei posti, degli impieghi, delle cariche delle dignità e dell’industria. 

Articolo XIV 

Le Cittadine e i Cittadini hanno il diritto di costatare personalmente, o attraverso i loro rappresentanti, la necessità dell’imposta pubblica. Le Cittadine non possono aderirvi che a condizione di essere ammesse ad un’uguale divisione, non solo dei beni di fortuna, ma anche nell’amministrazione pubblica, e di determinare la quota, la base imponibile, la riscossione e la durata dell’imposta. 

Articolo XV 

La massa delle donne, coalizzata nel pagamento delle imposte con quella degli uomini, ha il diritto di chiedere conto, ad ogni pubblico ufficiale, della sua amministrazione. 

Articolo XVI

 Ogni società nella quale la garanzia dei diritti non sia assicurata, né la separazione dei poteri sia determinata, non ha alcuna costituzione; la costituzione è nulla, se la maggioranza degli individui che compongono la Nazione, non ha cooperato alla sua redazione. 

 Articolo XVII

 Le proprietà appartengono ai due sessi riuniti o separati; esse sono per ciascuno un diritto inviolabile e sacro; nessuno ne può essere privato come vero patrimonio della natura, se non quando la necessità pubblica, legalmente constatata, l’esiga in modo evidente, a condizione di una giusta e preliminare indennità.