Spiccioli di bontà

lettEREtiche

spiccioliCi sarà un momento in cui questa sbornia di bontà ci ricondurrà dannatamente al presente. Quando sarà finita la gara a chi è più pio, a chi riconosce con maggiore estasi la novità di un papa che fa finalmente il papa, torneranno quei reietti, quegli ultimi di cui tutti si riempiono oggi la bocca, a reti unificate, a Camere unificate. Torneranno perché sono ancora vivi, in carne e ossa: esistenti, anche se malconci e disperati. Anche se li abbiamo ben nascosti dietro sbarre e impegni solenni. Perché sono esseri umani: non belle parole da comporre invertendone soltanto l’ordine a caccia della frase più bella, non monetine da consegnare nel cappello vuoto della loro fantasia per poter tornare più sereni alle proprie rampanti esistenze. Esseri umani. Sotto i ponti e nelle baracche, nei prefabbricati e nelle macerie, negli ospedali e nei “manicomi”, nelle carceri e nei Cie, nel delirio della mente…

View original post 81 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...