”femminicidio”‏

un impianto sociale e culturale che promuove l’aggressività  maschile e giustifica la violenza contro le donne. Accade nelle società dove la violenza è considerata affascinante e il rispetto  violenza. In una cultura misogina. le donne subiscono continue  violenze che vanno  dai commenti sessuali più o meno espliciti, alle molestie psicofisiche, fino all’omicidio. In questo squallido contesto uomini e donne tendono a giudicare come un fatto ‘’normale’’ di vita la violenza verso le donne. Da secoli le donne passano da muse ispiratrici  a serva e portatrici malate del ‘’peccato’’ e quindi da punire ed emarginare. Da sempre filosofia e religioni fanno a gara per dipingere la femmina solo come strumenti buono da usare nel bisogno e poi rimettere nello sgabuzzino né più e né meno di un utensile. Continuando a dare  queste idea distorta della donna il loro sterminio non finirà mai, e ancora meno la violenza perpetrata a loro danno. Dall’inizio dell’anno in Italia sono state uccise 55 donne. Storie di donne tutte diverse, ma tutte con la stessa drammatica fine. L’ultima in ordine di tempo una donna Pakistana, uccisa a Modena si presume dal marito. Perché vestiva all’occidentale. Siamo davvero la Patria della misoginia e del sessismo? Ripassando i dati delle varie violenze e degli omicidi; sembra proprio di si. Siamo anche senza speranza? No. Se iniziamo dalle nuove generazioni ad insegnare l’amore,il rispetto e la libertà verso il sesso opposto a quello maschile,in una sola parola evolviamoci. Chiudendo per sempre con retaggi che dovrebbero appartenere ad un passato buio e lontano, ma su cui continuare a riflettere per non ripetere sempre e ostinatamente gli stessi errori ed orrori. Non c’è amore nella violenza ma solo odio e disprezzo. C’è chi si ostina a chiamare questi delitti; omicidi ‘’passionali’’; ma  chi usa  violenza vive  rapporti malati,dove la donna diventa qualcosa di proprietà a proprio uso e consumo e  senza dignità. Da qualche tempo a questo parte va di moda un lemma nuovo per definire l’omicidio delle donne il  ‘’femminicidio’’ parola alquanto gretta e che serve a nascondere e giustificare una piaga sociale, quasi a farla diventare estranea ai più ,come se non riguardasse ogni singolo cittadino. Come sempre la donna diventa corpo estraneo della stessa come se non fosse parte integrante ed autorevole di essa,con diritti,dignità,libertà ed uguaglianza, qualcuno vorrebbe introdurre il reato di ‘’femminicidio’’ . come se non esistesse già il reato di omicidio, si ci deve inventare l’aggravante.  A che serve introdurre nuove reati e nuove pene, se non migliora  la società e con essa la mentalità , e i costumi. una società che continua ad odiare e a negare diritti.  Fino a quando dovremmo sopportare questa mattanza? Prima o poi qualcuno inizierà ad impartire una cultura sana sul rispetto degli esseri umani.si dovrebbe inziare per chi ha rinuncitato a cotanta umanità,per gli impotenti che uccidono in nome dell’ ”Amore”. partendo dalla donna e con le donne. Poiché  il giorno in cui sarà uccisa l’ultima donna,quel dì finirà l’umanità

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...